Consulta della Cultura, istanze entro il 29 marzo

NARDO’ (Lecce) – Il Comune di Nardò deve procedere alla nomina dei componenti dell’assemblea della Consulta della Cultura e i soggetti aventi i requisiti previsti possono presentare istanza entro il 29 marzo 2017.

L’assemblea, che tra i suoi membri elegge poi presidente, vicepresidente e comitato esecutivo, è composta da un membro designato in rappresentanza di ogni associazione culturale e del tempo libero iscritta nell’Albo Comunale delle Associazioni e, ancorché non iscritta, dotata di statuto e/o atto costitutivo registrato che abbia realizzato negli ultimi due anni significative e documentate attività culturali sul territorio comunale; da un membro designato in rappresentanza di ciascuna delle istituzioni scolastiche statali presenti sul territorio comunale; da tre membri individuati dal Consiglio comunale fra personalità della cultura. Partecipano all’assemblea e all’esecutivo della Consulta della Cultura l’assessore alla Cultura e il presidente della competente Commissione consiliare.

Gli interessati a far parte della Consulta e che abbiano i requisiti ai sensi del Regolamento della Consulta comunale della Cultura, devono indirizzare apposita istanza di partecipazione al Comune, come detto entro il prossimo 29 marzo. Il Regolamento e il modello per l’istanza sono disponibili al link https://goo.gl/mSd5fp.

La Consulta della Cultura è un organo consultivo e propositivo e favorisce la partecipazione democratica del mondo culturale cittadino. Recepisce le esigenze culturali della società civile e, attraverso suggerimenti, pareri e proposte, è d’ausilio per l’amministrazione comunale nella programmazione delle iniziative culturali, sulla scorta delle istanze provenienti dalla cittadinanza. La Consulta offre il proprio contributo di idee all’amministrazione comunale per la programmazione delle attività culturali nel pieno rispetto dei ruoli, competenze e responsabilità, promuove la conoscenza, la tutela e la valorizzazione delle tradizioni culturali e del patrimonio storico-artistico della città, svolge un ruolo di coordinamento dell’associazionismo di settore, delle istituzioni, del volontariato e degli enti, sensibilizza le forze politiche, sociali ed economiche verso le tematiche culturali, favorisce la diffusione della cultura tra la cittadinanza e nelle scuole.

 

 

NO COMMENTS